Wednesday, November 30, 2022
Home Ali di carta IL RITMATISTA

IL RITMATISTA

Brandon Sanderson s'inventa la Ritmatica, una disciplina speciale cui pochi scelti possono accedere e che consiste nel dare forza e vita alle linee che vengono disegnate sul terreno con il gesso (anche se fatte in modo diverso, le varie difese utilizzate dai Ritmatisti ricordano similarmente i cerchi usati da maghi e streghe per invocazioni e incantesimi).

di Damia S.

Vi è mai capitato di dover scrivere un tema di italiano e non sapere cosa inventarvi per non dare la stessa impressione a chi vi leggerà?  Ecco, “Il Ritmatista” sembra essere stato creato proprio in un momento del genere con la sola differenza che il vostro racconto probabilmente ha preso 4, in caso contrario complimenti, mentre Brandon Sanderson ha creato probabilmente uno dei sistemi magici più inusuali e originali degli ultimi anni. Chi mai avrebbe mai pensato fosse possibile creare un sistema magico partendo come base dai semplici gessi?

Ed è proprio così! Nel libro, a seconda delle linee disegnate è possibile ottenere un sistema di attacco o difesa, più è forte tanto più lo spessore delle linee e il raggio di curvatura sono bilanciati. A otto anni tutti i ragazzi del paese vengono “scelti” in base alla loro predisposizione o meno per la ritmatica, non può essere più ovvio che il nostro caro protagonista non fa parte di questo gruppo di fortunati, pur essendo un nerd in materia. 

La storia ha inizio con la sparizione di alcuni ragazzi, segni di resistenza nel luogo in cui si pensa siano scomparsi ma mai un indizio sulla loro condizione, inutile dire che il nostro protagonista tenta poi durante la vicenda di comprendere chi sia la causa di tanto trambusto.

Da un punto di vista tecnico, il ritmatista fornisce una lettura abbastanza leggera con qualche imprevedibile colpo di scena proponendo due personaggi ben caratterizzati costretti a lavorare insieme. Parte migliore di questo libro è senza dubbio l’ambientazione, descritta mano a mano senza risultare invasiva ma lasciando comunque una mappa visuale e dinamica che non manca di coerenza. Bellissimo è lo stile, semplice ma accattivante, capace di attirare l’attenzione e legarla a sé con forza, caratterizzato da toni frizzanti nei dialoghi grazie alla dinamica sarcastica dei due protagonisti. Bello è anche lo spunto che ne viene, ovvero di una storia incentrata sulla magia, narrata dal punto di vista di una persona che non è in grado di usarla.

Inusuale, curioso e vivace, una lettura tutta d’un fiato che rende obbligatorio camminare con un libro in mano.

You may also like

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo acconsenti alla memorizzazione e al trattamento dei tuoi dati da parte di questo sito web.

TCMAGAZINE

Giornale scolastico

online IC Calderini -Tuccimei

@2022 – All Right Reserved.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Se vuole saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicchi qui per consultare la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsente all'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy