Wednesday, November 30, 2022
Home Curiosità LA MIA FEDELE COMPAGNA

LA MIA FEDELE COMPAGNA

filma di Peter Werner (2008) ispirato al libro di Brad Cohen e Lisa Wysocky intitolato Front of the Class: How Tourette Syndrome Made Me the Teacher I Never Had.

di Giulia V.

Brad Cohen è un ragazzino intelligente e sveglio, amante del baseball e dei giochi all’aria aperta, un bambino come tutti gli altri, se non fosse che ogni tanto fa dei versi insensati e dei movimenti involontari come dei tic, impossibili da controllare. Medici e i genitori pensano a un bisogno di attenzione, ma grazie alla tenacia della madre, si scopre che questi sintomi appartengono alla sindrome di Tourette, un disturbo neurologico conosciuto ma raro.

Per Brad e per chi gli sta accanto i sintomi di questa sindrome sono elemento di grande disagio, è deriso dai compagni di classe e non tollerato da maestri e professori che lo reputano un elemento di disturbo durante lo svolgimento delle lezioni. Comincia ad odiare il mondo della scuola fino all’incontro con un preside capace di fargli cambiare idea e approccio, tanto da far nascere in lui il desiderio di diventare un insegnante. Una volta adulto, non sarà però facile scontrarsi con l’ottusità di coloro che lo rifiuteranno in più di dieci differenti scuole, negandogli la possibilità di dimostrare le sue capacità di insegnamento.

Nel film sono evidenti due atteggiamenti: quello di chi si sforza di capire la situazione e vedere Brad al di là della sindrome e quello di coloro per i quali il fastidio, il pregiudizio e la chiusura alla diversità prevalgono. Grazie a una grande determinazione e a chi crede in lui, Brad riesce a diventare un adulto sereno e a realizzare il suo sogno.

Il protagonista colpisce per la sua capacità di accettare quella che lui chiama la fedele compagna, la sindrome di Tourette. Brad trasforma la sua disabilità in un’opportunità per dimostrare a se stesso e agli altri che, nonostante il suo handicap, si può vivere una vita piena per raggiungere i propri obiettivi: diventare un bravo insegnante, capace di dare a ogni alunno ciò di cui ha bisogno, “l’insegnante che non ha mai avuto”.

Il messaggio che trasmette è di non arrendersi di fronte alle difficoltà, anche quando sembrano insormontabili.

Dobbiamo fare tutti come Brad, non dobbiamo mollare mai.

You may also like

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo acconsenti alla memorizzazione e al trattamento dei tuoi dati da parte di questo sito web.

TCMAGAZINE

Giornale scolastico

online IC Calderini -Tuccimei

@2022 – All Right Reserved.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Se vuole saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicchi qui per consultare la Cookie Policy. Chiudendo questo banner acconsente all'uso dei cookie. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy